Tutti i post della categoria 'Sviluppo personale e autoimprenditorialità'

08 gennaio

Fulvio Migliora, formatore sulla sicurezza

La formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro si pone diversi obiettivi: migliorare le conoscenze relative a rischi e comportamenti sicuri, ottenere, da parte dei lavoratori, atteggiamenti e credenze favorevoli verso le azioni di tutela, aumentare la frequenza dei comportamenti sicuri e favorire esiti favorevoli per la salute sul lavoro. Dalle tante ore di formazione che continuamente vengono erogate ci aspettiamo ovviamente questi risultati.

Tuttavia l’esperienza ci mostra che, non sempre, la formazione consente di ottenere ciò che sarebbe importante in termini di cambiamento. Talvolta ci si accontenta delle firme sul registro presenze, senza nemmeno porsi la domanda sull’efficacia dell’intervento formativo. Probabilmente non è un caso se tra il 2007 e il 2014 siano stati pubblicati, su riviste scientifiche internazionali, solo 28 articoli relativi all’efficacia della formazione per la prevenzione primaria delle lesioni sul posto di lavoro (Ricci, F., Chiesi, A., Bisio, C., Panari, C., & Pelosi, A. (2016). Effectiveness of occupational health and safety training: A systematic review with meta-analysis. Journal of Workplace Learning, 28(6), 355-377).

Questo tema ci porta ad affermare che sarebbe molto interessante approfondire la conoscenza delle caratteristiche dei formatori, indagare se le loro competenze sono adeguate e sufficienti a rendere incisivo l’intervento formativo. La ricerca futura dovrebbe investigare in modo più approfondito l’efficacia dei corsi di formazione effettuati da esperti e ricercatori, così da pianificare una formazione di qualità. Tre aspetti spesso non sono sempre chiari:

  • chi controlla la professionalità dei formatori
  • quanto chi acquista formazione ponga attenzione alla qualificazione del formatore e non solo al costo
  • quanto ogni formatore, nel rispetto della propria etica professionale, accetti incarichi solo per materie di cui ha piena competenza.

Per fare formazione efficace, perciò, ci si deve prima di tutto porre l’obiettivo di realizzare interventi di qualità e non limitarsi a cercare scorciatoie rapide e poco costose.

 

19 dicembre
Pane & Internet e Angela: il digitale s’impara nonostante l’età Non è che per questioni di età Angela Calzolari ha rinunciato ad effettuare…
18 dicembre
#InternationalMobility. Per Martina ed Elisa #itsabroad! Anche Martina ed Elisa, due allieve del 1° anno di ITS_biomedicale di Mirandola,…
12 dicembre
#Apprendistories: buone prassi in Dallara Group L’apprendistato va compreso nella sua globalità e nell’esperienza…
11 dicembre
PratiCARE la sicurezza Junior: terza stagione di alternanza scuola lavoro Inizia la terza stagione di PratiCARE Junior, un laboratorio didattico…