PratiCARE la sicurezza: Safety Training 4.0 per migliorare la salute sul lavoro

Post pubblicato il 07 agosto 2018

Esiste una formazione efficace? In occasione di TE2018 – 25th International Conference on Transdisciplinary Engineering, tenutasi a Modena, abbiamo presentato un intervento formativo originale di 10 ore impostato su pratiche attive, collaborative e focalizzate sull’individuo, erogate nel corso di 16 settimane. L’attività è stata suddivisa in tre fasi: presentazione tramite audiovisivo originale delle condizioni di rischio quotidiane; affiancamento individuale sul posto di lavoro; discussione in aula di auto-casi. Si è quindi rilevato il grado di conoscenze, atteggiamenti, comportamenti sicuri ed esiti per la salute: prima (T0), immediatamente dopo (T1) e poi a tre (T2) e sei mesi (T3) dal termine della formazione.

I dati evidenziano che questo modello di formazione è efficace perché interviene sulla corretta percezione del rischio e, attraverso la mediazione di atteggiamenti positivi verso la sicurezza e prassi condivise all’interno del gruppo di lavoro, favorisce l’adozione di comportamenti sicuri. Come mantenere questi confortanti risultati nel tempo? Ovviamente fornendo aggiornamento continuo

Dobbiamo infine sottolineare che la maggiore efficacia si presenta quando:

a) i contenuti della formazione risultano essere strettamente correlati all’esperienza lavorativa quotidiana

b) il formatore si impegna ad evidenziare principalmente l’utilità reale per i partecipanti invece del mero adempimento normativo.

Lascia un commento